martedì 4 luglio 2017

DISTRESS OXIDE: BREAKING RULES (part Two)



Eccomi qua.. in ritardo (ma va?)
Per prima cosa permettetemi di ringraziare le mie amiche timbrine che quando sono in ritardo per le più svariate motivazioni ci mettono sempre una pezza, questa volta grazie di cuore a Cristina. Te lo dico pubblicamente Amica: you made and saved my day!!!
Seconda cosa, mi scuso anche per la qualità delle foto. In genere ci tengo davvero tanto, ma davvero questo giro non ci sono riuscita. A maggior ragione quindi vi chiedo di non esitare a farmi domande. Come vi dicevo la volta scorsa: tengo molto a questi inchiostri e spero tanto di riuscire a farvi conoscere le varie potenzialità.

Ma adesso a noi. Parlavamo di Oxide e vi avevo promesso (o minacciato) di tediarvi con un post sullo stamping con questi meravigliosi inchiostri. In ritardo, dicevo, ma eccomi qua.
Ho fatto delle prove e vorrei condividere con voi le mie scoperte.


Ebbene si, STAMPANO SU OGNI COLORE.
Alcuni mi piacciono di più ed altri di meno, ma cavolo se stampano...
Su una carta pesante rendono di più, ma vi invito a fare delle prove con quello che avete a casa. Sperimentate, non abbiate paura.

Io ho visto che sul bianco sono da brivido.
E così anche sul craft.
Su questo guardate che resa, fate la tara con la pena della qualità della fotografia... vi assicuro che è spaziale!!!


Notate anche come il rosa del fiore copre il verde del cactus. Per la loro componente di pigmento questi colori non sono traslucidi e riescono tranquillamente a sovrapporsi. 


Ho spruzzato sopra dell'acqua per vedere l'effetto ossidato non su una macchia di colore ma su un disegno definito e devo dire che non mi dispiace affatto.


Il colore si ossida con l'acqua, ma il contorno della figura resta definito.

Sul nero questi colori sono particolari, mi piace molto l'effetto polveroso, ma ammetto che non mi fa impazzire... credo si possa lavorare molto sull'effetto grunge ma  non essendo il mio stile preferito mi prenderò il mio tempo per capirci meglio.


L'effetto Oxide sulla Stardream invece si vede poco, però mi piace un sacco.


Su quest'ultima (carta meno porosa delle altre) gli Oxide si asciugano più lentamente e quindi permettono una bella embossata... Credetemi, come mi odio per queste foto!!!! Comunque, l'embossata è con polvere clear;-)


Ma adesso vi faccio vedere una cosa che mi ha mandato fuori di testa. Io con i Distress tradizionali coloro i timbri.. questi Oxide saranno anche pigmentati, ma sempre Distress restano e quindi... io ci ho provato. Prima di farvi vedere cosa però preciso: non ho colorato nessun Bimbo, perchè per come coloro io mi serve che a contatto con l'acqua il colore non reagisca come l'Oxide, però, perchè non provare a far finta che siano acquerelli?

Allora: sono partirta da carta Canson, ho disegnato (ahahah che paroloni!!!!!) un fiore (ahahahah... un fiore.... del resto siate clementi, sono una Timbrina, io timbro... ahahaha)


... e poi via, verso l'infinito e oltre. Il gioco è RIEMPIAMO GLI SPAZI... coraggio che siamo tutti bravi a fare questo gioco qui! Provateci, fidatevi!!!!


Terminato viene fuori una cosa così:


 ... e mi paice molto perchè in questo caso gli Oxide tirano fuori tutta la loro componente pastellosa, i colori risulatano velati grazie al gioco di acqua col pennello, sembra tutto impolverato!!! M E R A V I G L I A !!!!

A questo punto si è trattato solo di prendere uno ZIG  punt fine per segnare qualche dettaglio e scrivere il sentiment con un PENTEL BRUSH  (che se ancora non avete vi consoglio caldamente di acquistare ed in vari colori perchè sono meravigliosi ed economicissimi per il brushlettering)


OK. Anche per questo giro avrei finito. Se siete arrivati fino qui, grazie davvero per la pazienza e, promettendovi foto migliori, ci vediamo a fine mese per l'ultima parte di questa introduzione ai DISTRESS OXIDE: parleremo di STENCIL:-)

Un abbraccio ed HAPPY STAMPING a tutti
M!R

7 commenti:

  1. Grande Mir! Chiara e precisa come sempre!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie! È sempre un piacere leggerti e vedere cosa combini. :-)

    RispondiElimina
  3. Devo dire che l'effetto sulla Stardream mi piace un sacco, e adoro l'ultima prova che hai fatto!

    RispondiElimina
  4. grande Mir ...mi piace molto!

    RispondiElimina
  5. Sei fantastica Mir, un po' meno per il mio portafogli! Avevo deciso di non farmi coinvolgere dagli Oxides, ma tu mi hai fatto capitolare ed al più presto ne prenderò qualcuno! 😜😜😜
    Cosa sarebbe lo stardream? Grazi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bianchina! E' una carta molto bella... esiste di diverse grammature e di diversi colori. La caratteristica fondamentale e' quella di essere un po' perlescente;) e' perfetta per basi e mattature e sopra ci si embossa che e' un piacere;)

      Elimina